Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Articoli

Considerazioni

Progetti

 

Benvenuto

Se qualche imprecisato motivo ti ha condotto qui, benvenuto!

Quello che vedi è il mio sito personale, un luogo che tengo per me ma che condivido volentieri; ci troverai molto di me e dei miei interessi, ma mi farebbe piacere se divenisse un luogo in cui torneresti volentieri; qui parleremo di tutto, dallo sport alla musica, di informatica e hi-tech, del mio mondo e, se lo vorrai, anche del tuo. Se ti piace scrivere registrati e inizia a pubblicare i tuoi contributi; mi farebbe piacere creare una community dinamica, allegra e alla buona, parlando di tutto sempre con un sorriso, e magari un bicchiere di buon vino.

Chiunque avrà la possibilitare di pubblicare il proprio articolo dopo essersi registrato gratuitamente. Se tutto questo ti interessa, benvenuto!

Armando Mancini

Buon Natale!Il Natale, è la festa più importante al mondo: da ricorrenza prettamente religiosa, si è trasformata e svilita in un discorso prevalentemente consumistico... Cosa è rimasto di questa festa?  Eppure, nei bambini, la sua magia è rimasta intatta....

Mi rocordo benissimo Natali oramai lontani, in cui io e mio fratello facevamo fatica a dormire, tanta era l'agitazione di attendere Babbo Natale... Con parecchia confusione in testa, visto che vivendo in Piemonte era anche Gesu Bambino a portare i doni... Mi interrogo spesso se il Natale è ancora quello magico di allora, e la risposta è no; perchè intorno è cambiato tutto: siamo cambiati noi, sono cambiati i bambini con  troppa voglia di crescere per imitare adulti che tutto quello che hanno saputo creare sono state le veline e un paese dove un bravissimo ricercatore guadagnerà in tutta la sua vita come un calciatore in un mese, e pazienza se il calciatore avrà letto in tutta la sua vita quanto un ricercatore in un mese (e crediamo di tenerci larghi...) .

Scrivo dopo avere appreso della morte del sesto operaio coinvolto nell'incidente in fonderia a Torino; mentre i suoi colleghi spiravano le nostre cariche istituzionali sfilavano in smoking e abiti da cerimonia alla prima della Scala trionfo della loro vanesia lontananza dalla vita di tutti i giorni di coloro che rappresentano. La nostra classe politica è alla deriva: cialtrona, incapace e collusa, è l'espressione impietosa di quello che siamo, intesi come popolo; un popolo che è pericolosamente rimasto all'età dei comuni, avendo nel contempo perso terrreno in ogni campo del sapere; eppure, anche in questo quadro tutt'altro che entusiasmante, riesco ad intravedere flebili luci: migliaia di persone che nonostante tutte le difficoltà cercano di educare i propri figli, lavorano, fanno del volontariato, nel senso più nobile del tempo; il vero Natale è pensare di potere migliorare il mondo, tutti insieme, senza interessi personali;  per continuare a vedere bambini che non riescono ad addormentarsi per aspettare Babbo Natale.

E allora, davvero, Buon Natale a tutti!