Articoli

Considerazioni

Progetti

 

Benvenuto

Se qualche imprecisato motivo ti ha condotto qui, benvenuto!

Quello che vedi è il mio sito personale, un luogo che tengo per me ma che condivido volentieri; ci troverai molto di me e dei miei interessi, ma mi farebbe piacere se divenisse un luogo in cui torneresti volentieri; qui parleremo di tutto, dallo sport alla musica, di informatica e hi-tech, del mio mondo e, se lo vorrai, anche del tuo. Se ti piace scrivere registrati e inizia a pubblicare i tuoi contributi; mi farebbe piacere creare una community dinamica, allegra e alla buona, parlando di tutto sempre con un sorriso, e magari un bicchiere di buon vino.

Chiunque avrà la possibilitare di pubblicare il proprio articolo dopo essersi registrato gratuitamente. Se tutto questo ti interessa, benvenuto!

Armando Mancini

×

Messaggio

Nuova Normativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzionalità. Utilizzando il nostro sito, accetti implicitamente la possibilità di ricevere sui tuoi dispositivi dei cookie atti a migliorare e gestire la user-experience.

Leggi la documentazione della direttiva e-Privacy

Non hai acconsentito di utilizzare i cookie. Questa decisione può essere cambiata cliccando sul pulsante a fianco.

Il bel ranocchio si crede un principe
Il bel ranocchio che si crede un principe...

Lo stagno Italia è pieno di ranocchi che si credono principi...

Nella vita di ognuno c'è un momento in cui si giunge alla propria consapevolezza; si riconosce quello che si è, magari ci si rammarica un poco di quello che poteva essere e che invece non è stato, oppure si constata con orgoglio di avercela fatta a raggiungere un obiettivo, avere superato i momenti di difficoltà o, semplicemente, aver vissuto; esiste poi una categoria di persone che io definisco i bei ranocchi, ovvero quelle persone frustrate dagli insuccessi che però si ritengono tartassate dalla sfortuna, unica artefice dei propri fallimenti; queste persone si credono principi e non accettano di essere solamente dei bei ranocchi; sono le persone che sono pronte al qualunquismo perché fa "guscio" ed è sempre molto più comodo dare la colpa agli altri che accollarsela; sono persone incattivite dalle delusioni, poco inclini alla minima autocritica; sono le persone più pericolose da un punto di vista sociale perché incapaci di accontentarsi, piene di livore ed energia negativa.

L'italia è piena di ranocchi che nell'acquitrino paese Italia ci sguazzano alla grandissima in compagnia di politici  piazzisti pronti a seguire l'onda del populismo che consente loro di fare una beata mazza; i ranocchi per definizione non fanno nulla per cambiare l'acquitrino perché a loro, in fondo, va bene così; nello stagno a ben guardare si trova sempre un ranocchio meno principe di te e poi diciamocelo, nello stagno si mangia sempre...

Il problema però è che tutti i ranocchi credono di essere principi, ma i principi da che mondo è mondo nello stagno non ci stanno; esistono poi i ranocchi veramente ranocchi che a essere principi non ci pensano nemmeno; vengono da paesi lontani, da stagni secchi e miseri o peggio, da stagni in guerra; sono ranocchi tristi ma tenaci tenuti in scacco da rospi senza scrupoli che sui ranocchi, specie su quelli scuri, ci lucrano; alcuni di essi portano una croce e pregano ma l'unico Dio che seguono è quello del denaro, altri guidano barche o presunte tali e dei ranocchi non se ne fanno nulla, altri rospi sono sempre in televisione nel tentativo di far credere ai ranocchi che se loro non sono principi la colpa è dei ranocchi più scuri; il bello dei ranocchi è che sono troppo ranocchi per riconoscere di non essere principi ma solo... ranocchi; ogni tanto però, quasi per miracolo nasce qualche ranocchio che con spirito di abnegazione e sacrificio studia, impara e non si abbatte ma cerca di fare qualcosa per migliorare lo stagno, consapevole di essere solo un ranocchio e felice di esserlo; sono i ranocchi che studiano o lavorano con impegno,  non si abbattono per le piccole e grandi difficoltà, anzi sono consapevoli di essere dei privilegiati a poter provare di migliorare lo stagno; sono i veri principi della storia, e a loro va tutta la mia ammirazione...