Articoli

Considerazioni

Progetti

 

Benvenuto

Se qualche imprecisato motivo ti ha condotto qui, benvenuto!

Quello che vedi è il mio sito personale, un luogo che tengo per me ma che condivido volentieri; ci troverai molto di me e dei miei interessi, ma mi farebbe piacere se divenisse un luogo in cui torneresti volentieri; qui parleremo di tutto, dallo sport alla musica, di informatica e hi-tech, del mio mondo e, se lo vorrai, anche del tuo. Se ti piace scrivere registrati e inizia a pubblicare i tuoi contributi; mi farebbe piacere creare una community dinamica, allegra e alla buona, parlando di tutto sempre con un sorriso, e magari un bicchiere di buon vino.

Chiunque avrà la possibilitare di pubblicare il proprio articolo dopo essersi registrato gratuitamente. Se tutto questo ti interessa, benvenuto!

Armando Mancini

Electric Light Orchestra: una delle mie band preferite!Parlare degli Electric Light Orchestra significa fare un tuffo nel passato; ascoltarli significa ascoltare le melodie più beatlesiane di sempre, e tornare con la mente alla fine degli anni 70...

Gli Electric Light Orchestra (Elo) sono stati uno dei miei gruppi preferiti, fin dal 1977 quando ragazzino, li ascoltai in un pezzo lento "Telephone line"; erano gli anni delle prime cotte ed avere alle feste un pezzo lento come questo significava avere il piacere di potere abbracciare una ragazza per almeno 3 minuti... Wink

Gli Elo hanno fatto ottimo rock-pop sinfonico con sconfinamenti e contaminazioni varie; il loro suono pulito, le melodie estremamente semplici entravano in testa subito e non le dimenticavi più; il cantato in falsetto del leader Jeff Lynne in puro stile '70, unito ad arrangiamenti bomba, ne fecero uno dei miei gruppi pop preferiti. La carriera artistica degli Elo a mio parere toccò l'apice assoluto nel 1979 con l'album Discovery, un disco che è un vero capolavoro in cui TUTTI i titoli furono grandi hit, basti ricordare alcune autentiche gemme come "Don't Bring Me Down", "Shine A Little Love", la bellissima "Last Train to London", "Confusion" e la beatlesiana "The Diary of Horace Wimp", che suona più Beatles che un disco dei Beatles; per chi non lo avesse mai ascoltato questo album consiglio vivamente di farlo per non perdersi un tale capolavoro.
Il disco successivo, "Time" ebbe una impronta nettamente più elettronica, con un uso massiccio di sintetizzatori che stavano invadendo in massa il panorama musicale internazionale; buon successo, ma non raggiunse gli apici di Discovery. Degne di nota anche le collaborazioni: il brano "Xanadu" di Olivia Newton John fu un grandissimo successo, nonostante il flop del film omonimo. L'influenza dei beatles fu chiara sin da subito anche perchè la mente e leader Jeff Lynne non ha mai nascosto di esserne stato un grande fan; a coronamento di questo per Lynn produrre il disco di George Harrison del 1987, ovvero la famosa hit "Got My Mind Set on You", e per lui ovviamente fu il massimo...

Per chi non avesse memoria di questi pezzi ascolti allora "Shine" il successo che ha riportato in auge i TakeThat, hit del 2007 che ha raggiunto il n.1 in moltissimi paesi ; in questa canzone c'è pesantissima l'influenza degli Electric Light Orchestra... e scusate se è poco!