Articoli

Considerazioni

Progetti

 

Benvenuto

Se qualche imprecisato motivo ti ha condotto qui, benvenuto!

Quello che vedi è il mio sito personale, un luogo che tengo per me ma che condivido volentieri; ci troverai molto di me e dei miei interessi, ma mi farebbe piacere se divenisse un luogo in cui torneresti volentieri; qui parleremo di tutto, dallo sport alla musica, di informatica e hi-tech, del mio mondo e, se lo vorrai, anche del tuo. Se ti piace scrivere registrati e inizia a pubblicare i tuoi contributi; mi farebbe piacere creare una community dinamica, allegra e alla buona, parlando di tutto sempre con un sorriso, e magari un bicchiere di buon vino.

Chiunque avrà la possibilitare di pubblicare il proprio articolo dopo essersi registrato gratuitamente. Se tutto questo ti interessa, benvenuto!

Armando Mancini

×

Messaggio

Nuova Normativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzionalità. Utilizzando il nostro sito, accetti implicitamente la possibilità di ricevere sui tuoi dispositivi dei cookie atti a migliorare e gestire la user-experience.

Leggi la documentazione della direttiva e-Privacy

Non hai acconsentito di utilizzare i cookie. Questa decisione può essere cambiata cliccando sul pulsante a fianco.

Sono stati un grande gruppo di musicisti veri; il loro sound inconfondibile è decollato verso vette altissime con pezzi mitici com "dreamer", "the logical song", "good-bye stranger" e molte altre canzoni indimenticabili... Per me sono stati uno dei gruppi rock più importanti.

Il valore artistico dei supertramp è fuori discussione, visto che per loro parlano i numeri, ovvero milioni di dischi venduti e sold out ad ogni concerto.

Per me rivestono poi un particolare valore affettivo, visto che Breakfast in America, probabilmente il loro disco migliore, certamente quello di maggiore successo, è stato il mio primo disco comprato con soldi "miei" .

I supertramp avevano un suono caratteristico, molto ricco e raffinato, con punte di jazz in un rock progressivo impossibile da non notare; la magica voce di Roger Hodgson, contrapposta a quella di Rick Davies, altra mente dei supertramp autore degli assolo blues alle tastiere faceva di questa band un elemento caratteristico, che aveva pochi riscontri nella scena rock degli anni 70-80.

Per quelli che non conoscono nulla dei supertramp, consiglio 4 album:

[hi]Breakfast in America[/hi], il loro album di maggior successo, con pezzi incredibili come "The logical song", "Breakfast in America", "Goodbye Stranger" e "Take the Long Way Home", tutti singoli di grande successo che trainarono l'album tenendolo nelle prime posizioni delle classifiche di tutto il mondo per piú di un anno; degna di nota la copertina con la skyline di new york realizzata con tazze e altro materiale da colazione.

[hi]Crime of the Century[/hi], il loro primo album di successo, con pezzi davvero notevoli come "School", "Hide in your shell" e "dreamer" la cui melodia folgorò un giovane Renato Zero che la ripropose pari pari in una sua canzone ("sgualdrina")

[hi]Even in the Quietest Moments...[/hi] album con due pezzi mitici come "Even in the quietest moments " e soprattutto "Give a little bit"

[hi]Famous last words...[/hi] il disco che segna la fine del sodalizio Davies-Hodgson, con pezzi notevoli come "It's raining again", "Put on your old brown shoes" e "My kind of lady"

I Supertramp hanno scandito con la loro musica alcuni dei miei anni più felici, e mi hanno regalato vere emozioni, e di questo, li ringrazio.

 

Discografia:

  • Supertramp (1970)
  • Indelibly Stamped (1971)
  • Crime of the Century (1974)
  • Crisis? What Crisis? (1975)
  • Even in the Quietest Moments... (1977)
  • Breakfast in America (1979)
  • Paris (1980, live)
  • Famous Last Words... (1982)
  • Brother Where You Bound (1985)
  • The Autobiography of Supertramp (1986)
  • Free as a Bird (1987)
  • Live '88 (1988, live)
  • Some Things Never Change (1997)
  • It Was the Best of Times (1999, live)
  • Is Everybody Listening? (2001, live)
  • Slow Motion (2002)
  • Retrospectacle - The Supertramp Anthology (2005)